IMU. SACRIFICATO L'INTERESSE GENERALE PER IMPORRE ''BANDIERE'' ELETTORALI.

Scelta Civica rispetta, ma non condivide la decisione del Consiglio dei Ministri di cancellare integralmente la prima rata IMU sospesa dallo scorso giugno e rinviare alla legge di stabilità l'abrogazione integrale pure della seconda rata. 

Per Scelta Civica sarebbe stato assai più serio e conforme agli interessi del Paese affrontare in questa sede in modo definitivo il nodo IMU per il 2013, disponendo il raddoppio della detrazione base da 200 a 400 euro e di quella per figli a carico da 50 a 100 euro.

In questo modo, con un costo per il bilancio dello Stato di 2,5 miliardi di euro, la fascia di famiglie con “IMU a zero” sarebbe cresciuta dal 25% al 70% circa, con punte dell’80% per i nuclei familiari con almeno tre figli

Inoltre, anche il restante 30% di famiglie con immobili di maggior valore catastale avrebbe visto diminuire l’IMU dovuta per il 2013 da un minimo di 200 euro fino a 600 euro per i nuclei familiari più numerosi

Leggi tutto: IMU. SACRIFICATO L'INTERESSE GENERALE PER IMPORRE ''BANDIERE'' ELETTORALI.

IMU E TARES, SI RISCHIA DI CREARE UN MOSTRO ''STILE IRAP'' . ENRICO ZANETTI SU LA NUOVA VENEZIA.

Quello che il Governo sta cercando di fare sulla partita IMU - TARES è qualcosa di estremamente difficile e complesso dal punto di vista tecnico: virare in corso d'anno da un sistema di prelievo ad un altro, cercando una quadratura tra esigenze finanziarie delle pubbliche amministrazioni centrali e di  quelle locali, senza dimenticare, si spera, il nodo centrale dell'equità tra i cittadini.
Fare un'operazione del genere in un contesto di stabilità politica costituirebbe comunque una sfida dagli esiti non scontati.
Basti ricordare cosa accadde l'ultima volta che qualcuno si sognò di fare una analoga operazione di alchimia fiscale, sostituendo più imposte con una soltanto nel vincolo dell'invarianza di gettito: correva l'anno 1997 e il risultato fu l'IRAP.

Leggi tutto: IMU E TARES, SI RISCHIA DI CREARE UN MOSTRO ''STILE IRAP'' . ENRICO ZANETTI SU LA NUOVA VENEZIA.

IL POLPETTONE FISCALE - COME TI CUCINO I CONTRIBUENTI ITALIANI

Prendere IMU e TARES.

Spostare tutta o buona parte della tassazione IMU dalla proprietà della prima casa a quella delle seconde e terze, nonché agli inquilini.

Tritare il tutto nel nome della invarianza di gettito complessivo.

Mescolare fino a rendere i singoli ingredienti un'unica massa indistinta e irriconoscibile.

Dare alla pietanza un nuovo nome, possibilmente esotico o comunque in lingua straniera, come si fa in Italia quando si sta facendo qualcosa che chiamato col suo nome suonerebbe malissimo (SERVICE TAX va benissimo).

Cucinare per alcuni mesi, per dare la giusta impressione della incredibile complessità di quello che sta venendo fatto.

Servire fumante, appena fatta, con un sorriso sgargiante, dandosi pacche autocelebrative per il notevole sforzo fatto nella predisposizione di un piatto veramente innovativo.

Buon polpettone a tutti.

Leggi tutto: IL POLPETTONE FISCALE - COME TI CUCINO I CONTRIBUENTI ITALIANI

GRANDI NAVI FUORI DAL BACINO . MARGHERA OGGI IMPREPARATA, PIU’ RAPIDA E MENO COSTOSA LA ‘‘TANGENZIALE LAGUNARE’’

Quando il sindaco Giorgio Orsoni afferma che il trasferimento del porto a Marghera è l'unica soluzione immediata al transito delle Grandi Navi in Bacino San Marco dice una cosa non vera, perché ce n'è anche un'altra: chiudere il porto alla crocieristica e mandare tutti a casa.

Le due "soluzioni", e mai virgolette sono state più appropriate, si sovrappongono in tutto, con l'unica differenza che la seconda è , almeno, intellettualmente onesta.

Mandare la crocieristica immediatamente a Marghera significa mandare le navi in un'area assolutamente impreparata ad accogliere uomini e mezzi e costituisce un’opzione che può essere valutata solo da un Sindaco che, d'altro canto, non si preoccupa di lasciare che il biglietto da visita per chi arriva in città da Piazzale Roma sia l'accoglienza dei barbanera.

Leggi tutto: GRANDI NAVI FUORI DAL BACINO . MARGHERA OGGI IMPREPARATA, PIU’ RAPIDA E MENO COSTOSA LA...

ABOLIZIONE RESPONSABILITA' SOLIDALE NEGLI APPALTI. APPROVATO ORDINE DEL GIORNO DI ENRICO ZANETTI

Di seguito l'Ordine del Giorno che sono riuscito a fare approvare (8 agosto 2013), con il quale la Camera impegna il Governo "a procedere in tempi rapidi, o comunque nel  primo provvedimento utile, all'integrale abolizione della disciplina riguardante la responsabilità solidale tra appaltatore e subappaltatore e dei relativi adempimenti, di cui ai commi da 28 a 28-ter dell'art. 35 del DL 223/2006".
Si tratta della famigerata quanto inutile e dannosa responsabilità solidale che il DL Fare ha abrogato per l'IVA, ma assurdamente lasciato in piedi per le ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente.
In prima lettura alla Camera avevamo provato ad abrogarla integralmente, ma la strana convergenza tra PD - PDL - M5S aveva fermato il nostro tentativo e addirittura peggiorato le cose, inventando di sana pianta il DURT.
Dopo la nostra battaglia, al Senato c'è stata la marcia indietro sul DURT e ora, con questo ordine del giorno, incassiamo un impegno preciso per arrivare infine la' dove ci eravamo prefissi, per cercare di semplificare la vita a chi lavora e produce.
Credibilmente, il primo provvedimento utile sarà la Legge di Stabilità, quindi ottobre 2013.
Resteremo sul pezzo fino a cose fatte.
Enrico Zanetti
Responsabile fisco Scelta Civica - Vicepresidente Commissione Finanze della Camera

Leggi tutto: ABOLIZIONE RESPONSABILITA' SOLIDALE NEGLI APPALTI. APPROVATO ORDINE DEL GIORNO DI ENRICO ZANETTI

SIGARETTE ELETTRONICHE. ASSURDA TASSAZIONE . UN ORDINE DEL GIORNO DI ENRICO ZANETTI APPROVATO COME RACCOMANDAZIONE.

Approvato come raccomandazione un mio Ordine Del Giorno presentato insieme alla collega di Scelta Civica Adriana Galgano sulla assurda tassazione che il DL Lavoro - IVA cala come una mannaia sul settore delle sigarette elettroniche.
Ne avevamo incontrato i rappresentanti fuori da Montecitorio in occasione della loro manifestazione.
Gli emendamenti che abbiamo presentato sono stati bocciati, questa raccomandazione è un primo passo per riprovarci con maggior fortuna alla prima occasione utile.
Enrico Zanetti.

La Camera, premesso che:

è scientificamente provato che il fumo di sigaretta tradizionale è cancerogeno inoltre, a differenza dell'utilizzo di tabacco da fumo, il procedimento fisico col quale avviene la somministrazione del liquido contenente nicotina attraverso la sigaretta elettronica non è combustione, bensì vaporizzazione che a differenza della combustione, non genera sostanze cancerogene;

Leggi tutto: SIGARETTE ELETTRONICHE. ASSURDA TASSAZIONE . UN ORDINE DEL GIORNO DI ENRICO ZANETTI APPROVATO...

Altri articoli...

  1. INCENTIVI ALLE STARTUP. ANCORA INAPPLICATE LE NORME. INTERROGAZIONE DI ENRICO ZANETTI
  2. UNA CITTA' IN ABBANDONO. ENRICO ZANETTI SU IL GAZZETTINO
  3. CONTENZIOSO TRIBUTARIO. LE STATISTICHE CONFERMANO LA BONTA' DELLA BATTAGLIA DI SCELTA CIVICA CONTRO LA RISCOSSIONE IN PENDENZA DI GIUDIZIO
  4. LETTERA A DI VICO SU DURT
  5. IL DURT È GIÀ LEGGENDA MA CONFIDIAMO RIMANGA TALE. L'INTERVENTO DI ENRICO ZANETTI SU ITALIAOGGI.
  6. FINANZIAMENTO VOLONTARIO AI PARTITI. BENE, E AI SINDACATI?
  7. LA SOLIDARIETA' NEGLI APPALTI RESISTE CONTRO OGNI LOGICA. L'INTERVENTO DI ENRICO ZANETTI SU ITALIAOGGI
  8. IL SECONDO TEMPO DI SCELTA CIVICA

Canale Video

Raccolta dei Video utili sulla mia attività da parlamentare ed materiale di approfondimento.

Guarda e partecipa +

Rassegna stampa

Gli articoli di approfondimento sulle mie attività e su Scelta Civica Venezia tratti da giornali e portali online.

Consulta +

Approfondimenti

Leggi i miei interventi e approfontisci le tematiche sulle quali sto lavorando.

Approfondisci +

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie.
In alternativa, premendo su ‘Cookie Policy’, potrai leggere la cookie policy per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.