A MESTRE I RIFORMISTI DI SCELTA CIVICA, ITALIA FUTURA, VERSO NORD: CAMBIAMO IL FISCO E NON SOLO

DIBATTITO PARTECIPATO E MOLTE PROPOSTE AL LAURENTIANUM CON ENRICO ZANETTI, NICOLA ROSSI , DIEGO BOTTACIN

Alla presenza di 120 persone si è svolta giovedì sera (27 giugno) al Laurentianum del Duomo di Mestre l’iniziativa ‘‘Cambiamo il fisco. I diritti del contribuente. Le priorità nella riduzione delle tasse’’. L’incontro è stato coordinato dal Direttore de La Nuova Venezia Antonio Ramenghi e ha visto la partecipazione di Enrico Zanetti, deputato veneziano di Scelta Civica e Vicepresidente della Commissione Finanze, Nicola Rossi, economista ed ex-senatore, ora Presidente di Italia Futura e Diego Bottacin Consigliere regionale di Verso Nord.

Oltre alle proposte concrete per riformare il nostro sistema fiscale presentate da Enrico Zanetti (tra le quali: fatturazione elettronica come strumento per l’adempimento unico, ristrutturazione del prelievo a partire dalla riduzione delle tasse per lavoro e produzione, agendo su IRPEF e dimezzando IRAP per un totale di 25 miliardi, lotta all’evasione) il dibattito ha anche toccato i temi dell’attualità politica e in particolare le fibrillazioni in seno al Governo delle larghe intese, dovute spesso proprio alle questioni legate alle tasse.

 

                                                                            il video integrale dell'evento


Il Presidente di Italia Futura Nicola Rossi ha esordito in modo categorico sul Governo Letta "L’idea che si possa rinviare l’Iva di tre mesi e pagare il rinvio aumentando l’acconto Irpef aggravando ulteriormente le imprese significa non capire il momento in cui ci si trova. E’  la sintesi di tutto ciò che non si deve fare".

"Negli altri paesi - ha continuato Rossi - le grandi coalizioni sono servite per consentire di fare le cose che ciascuno schieramento da solo non riusciva a fare. In Italia la grande coalizione serve invece per varare provvedimenti che sono il minimo comune denominatore di due coalizioni con un tasso già basso di riformismo, serve solo a portare ancora più giù il livello di riformismo".

Per Enrico Zanetti, Vicepresidente della Commissione Finanze, "il vero freno alle riforme sta nel rapporto tra politica e pubblica amministrazione. Spesso la politica è succube della burocrazia. E’ la burocrazia che detta e la politica che si limita a leggere".
Sul provvedimento IVA varato dal Governo anche Zanetti è fortemente critico "è un gioco delle tre carte, rischia di minare la credibilità del Governo. Scelta Civica è totalmente contraria e ci impegneremo a cambiarlo".

Per il deputato di Scelta Civica "l’esito di vent’anni di alternanza tra destra e sinistra è stato l’aumento vorticoso congiunto di spesa pubblica e di pressione fiscale".

Per Diego Bottacin anche in Regione Veneto si assiste ad una sostanziale convergenza tra destra e sinistra in tema di fisco e spesa pubblica. "Pochi mesi fa la Giunta ha presentato l’obiettivo di recupero di evasione in 75 milioni. Occasione per ridurre le tasse ad imprese e cittadini? No. Destra e sinistra sono unite nell’evitare accuratamente che i recuperi di evasione si trasformino in diminuzione di imposte, maggioranza e ‘‘opposizione’’ si sono messe d’accordo per destinare questi soldi per alimentare nuova spesa pubblica sotto forma di contributi a pioggia".

Molto soddisfatti Massimo Andreoli e Diego Vianello, rappresentanti di Scelta Civica di Venezia e Mestre e organizzatori , insieme a Italia Futura e Verso Nord, dell’evento. "C’è stata un’ottima partecipazione, un pubblico attento e coinvolto, che dimostra che c’e’ spazio per la politica fatta di proposte. Per un movimento politico come il nostro, che sceglie di stare nella società civile, è fondamentale avere la capacità di costruire "politiche" attraverso contenuti e competenze, il tempo della politica politicante è finito".


Share

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie.
In alternativa, premendo su ‘Cookie Policy’, potrai leggere la cookie policy per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.