Enrico Zanetti a Il Messaggero: "Basta ai super compensi nella televisione pubblica"

Il SEGRETARIO DI SCELTA CIVICA: «SIAMO UNA FORZA RIFORMISTA ED EUROPEISTA, PRONTI PER LE AMMINISTRATIVE»

Enrico Zanetti. Segretario di Scelta Civica e Sottosegretario all’Economia, si leva il primo sassolino dalla scarpa sulla Rai. “Il canone in bolletta non è un'idea impraticabile - attacca - ma soluzioni di questo tipo dovrebbero accompagnarsi a una volontà politica altrettanto forte quando si tratta di impedire alla Rai di essere pubblica quando bisogna far pagare a tutti l’odiato canone e di essere privata quando si tratta di raccolta pubblicitaria o di pagare i propri dirigenti anche oltre il tetto massimo di 240mila euro”.


Al di là del caso Rai, questa settimana il Senato vara la riforma Costituzionale. Lei si aspettava questo risultato?
“E’ una vera svolta per il Paese perché, dopo tanti anni di discussioni a vuoto, si taglia un traguardo su questa materia. Politicamente ne esce malissimo la minoranza del Pd perché il compromesso finale è poca cosa rispetto al livello dello scontro che hanno innescato prima del vogliamoci bene”.

Che idea si è fatto del caso Marino?
“Ne avevamo chiesto le dimissioni già durante l'estate”.

E ora che farete?
“Il nostro schema è chiaro: preferiamo una soluzione civica”

Guardate a Marchini?
“E’ un'ipotesi da mettile a fuoco. che diverrebbe impraticabile se si accordasse con Salvini e compagnia. In caso di coalizioni che contemplino partiti nazionali, prendiamo in considerazione solo quelli con cui stiamo governando. No anche a forze di sinistra contrarie alle riforme”.

È in arrivo una Legge di Stabilità con molte novità sul fisco. Soddisfatto?
“Sul lato fisco l'abolizione delle tassazione su tutte le prime case è il contributo politico per cui più si sono spesi Pd e Ncd. l’incentivo dei superammortamenti. ovvero investi 100 e deduci 140, è il contributo politico per cui si è spesa Scelta Civica. Nell'insieme un mix accettabile che parte dalla necessità di ridurre la pressione fiscale dopodiché per noi la priorità è il rilancio del sistema produttivo. Vorrei anche sottolineare che si tratta di norme semplici, chiarissime, senza eccezioni. La tassa sulla prima casa sparisce per tutti dal 2016 così come quest’anno le agevolazioni sono scattate per tutte le assunzioni. Non ci sono calcoli e cavilli che alla fine riducono l'efficacia degli incentivi stessi”.

Parliamo un po di Scelta Civica. In tanti vi ritengono una forza da prefisso telefonico...
“E sbagliano. Se andiamo a guardare ai dati emersi dalle amministrative le cifre cambiano”.

E cioè?
“Dovunque ci siamo presentati abbiamo raccolto fra l’1,5% e il 2,5% dei consensi. Quasi il 3% in Campania. C’è tutto per una buona ripartenza”.

Per arrivare dove?
“A metà settembre abbiamo tenuto la nostra Festa nazionale a Salerno ed è emersa la nostra identità politica di forza riformista. europeista, liberaldemocratica, refrattaria ad ogni forma di populismo con un posizionamento politico chiaro di terzietà, ma non di equidistanza tra il centrodestra nazionalista e vecchio di Salvini-Bctiusconi e il centrosinistra riformista di Renzi. In altri partiti di area politica vicina alla nostra, come l’Ncd. non è così: li le posizioni spesso si contraddicono. Questa chiarezza al nostro interno è un grande patrimonio per fare politica a partire dalle prossime amministrative con la rete dei movimenti civici dei cittadini per l'Italia”.

 

 

Share

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie.
In alternativa, premendo su ‘Cookie Policy’, potrai leggere la cookie policy per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.