La Nazione - Il Resto del Carlino - Il Giorno: Salvataggi, l'affondo di Zanetti «Regole comuni per tutti in Europa»

Il Sottosegretario: sulle quattro banche la linea non è stata condivisa.
Avanti con una commissione d'inchiesta che faccia luce su tutto. Chi ha sbagliato pagherà.

Sottosegretario Zanetti, il Portogallo salva Banifcon 2,3 miliardi di fondi pubblici e il disco verde europeo. Uno schiaffo all'Italia?
«Dipende. A determinate condizioni è ancora possibile intervenire con soldi pubblici, fermo restando la partecipazione di azionisti e obbligazionisti subordinati al salvataggio. E, nel caso del Portogallo, hanno ampiamente partecipato alle perdite. Non usare soldi pubblici, per me, è un titolo di merito prima che un obbligo europeo».

Anche la Germania ha salvato la HSH Nordbank con soldi pubblici. Vuol dire che trattative sul salvataggio delle nostre banche sono state condotte in modo troppo morbido?
«La vicenda HSH e antecedente al cambiamento delle regole, quindi non comparabile. Sulle trattative, quello che non può passare in cavalleria, è il fatto che, in presenza di diversità di vedute tra Tesoro e Bankitalia su alcune posizioni della Commissione, non c'è stato adeguato coinvolgimento dell'intero governo e delle forze che lo sostengono sul da farsi».

 

Renzi dice alla Merkel che l'Europa deve servire 28 Paesi e non solo uno. Da South Stream ai salvataggi bancari, le regole sono davvero uguali per tutti?
«Le regole sì, ma l'attenzione con cui se ne verifica il rispetto francamente non sembra uguale. Il premier si sta battendo bene in Europa, dobbiamo dargli una mano in questa fase delicata».

Si sta incrinando qualcosa nei rapporti Roma-Bruxelles?
«C'è il rischio che si innesti un gigantesco scaricabarile, perfetto per non far capire a nessuno chi ha deciso cosa e perché. Può anche essere una strategia, nella speranza che intanto si calmino le acque e alla fine paghino solo i risparmiatori. Nessuna accusa a scatola chiusa ma avanti con una commissione d'inchiesta che faccia luce su tutto».

Rischiamo un irrigidimento anche sulla flessibilità?
«Sono due questioni separate, non possono esserci camere di compensazione su questi temi».

L'Abi pensa di ricorrere contro la Commissione per il no all'uso del fondo interbancario.
«Mi lascia un po' perplesso, ma non conosco abbastanza i contenuti dell'azione che vuole proporre».

Come sono i rapporti tra governo e Bankitalià?
«In questi frangenti, i rapporti devono essere di leale collaborazione, non di acritica difesa. La scelta di Cantone è un segnale più che giusto, l'arbitrato andava affidato ad un ente esterno alle responsabilità».

Dini in un'intervista a Qn ha messo in guardia dal rischio di delegittimazione...
«Nessuna delegittimazione per l'istituzione, posto che le responsabilità, ove emergessero, sarebbero individuali. E comunque vedo molto più forte il rischio di delegittimazione della politica se ci mettiamo a dire 'bravi tutti'».

Monti dubita dell'efficacia di un'inchiesta parlamentare.
«Il presidente Monti, nella foga di difendere la credibilità delle istituzioni della vigilanza bancaria, ha messo in dubbio la credibilità di un'istituzione che viene prima: il Parlamento».

Il fronte di chi preferirebbe una semplice commissione d'indagine sta crescendo...
«Le pressioni sono evidenti ma non si può cedere di un millimetro sull'accertamento delle responsabilità ai livelli apicali».

Il premier ha ribadito la necessità di mettere mano al sistema bancario. Anche sulla vigilanza?
«Gli interventi che possono essere valutati sono numerosi. Ad esempio, il divieto di vendere certi titoli ai clienti retail o la separazione tra attività di erogazione del credito ed attività di investimento».

Ma alla fine, oltre ai risparmiatori, qualcuno pagherà?
«Se emergeranno colpe, eccome».

Share

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie.
In alternativa, premendo su ‘Cookie Policy’, potrai leggere la cookie policy per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.