Il Giorno - Il Resto del Carlino - La Nazione: Renzi premia cattolici e moderati. Alfano esulta, Scelta Civica fa il pieno

Il barometro del nuovo assetto della compagine di governo — che, con il «rimpastino» di ieri, sale da 56 a 64 membri tra ministri, viceministri e sottosegretari — dice che Renzi sta spostando la barra sempre più verso il centro e, a dirla tutta, pure verso destra. Non solo perché i voti di Ala (i verdiniani) sono sempre più strategici, al Senato, ma anche perché, al governo, due partiti che — come dice con una battuta fulminante il bersaniano Miguel Gotor — «hanno più ministri che voti», Ncd e Scelta Civica, sono oggettivamente collocabili a destra.

Leggi tutto: Il Giorno - Il Resto del Carlino - La Nazione: Renzi premia cattolici e moderati. Alfano esulta,...

Gazzetta di Mantova - Gli ex parlamentari: giù le mani dai vitalizi - Delegazione da Zanetti: «L'assegno è un diritto acquisito e non si tocca». La replica: «È un privilegio»

Giù le mani dai vitalizi. È un duello a distanza tra ex e attuali parlamentari quello che si sta giocando. I diritti acquisiti non si toccano: è quanto hanno affermato gli ex parlamentari e gli ex Consiglieri regionali in due audizioni alla commissione Affari costituzionali della Camera, che sta esaminando alcune proposte di legge che tagliano i vitalizi di parlamentari e consiglieri regionali in carica e in pensione. Il presidente dell'Associazione dei Consiglieri ed ex Consiglieri regionali, Aldo Bodin, ha perfino paventato un ricorso alla Corte europea dei Diritti dell'uomo.

Leggi tutto: Gazzetta di Mantova - Gli ex parlamentari: giù le mani dai vitalizi - Delegazione da Zanetti:...

Zanetti a L’Unità: «Nella Ue non sono abituati a un'Italia che punta i piedi»

Enrico Zanetti, Sottosegretario all'Economia: sulla flessibilità chiediamo cose possibili.

La reazione dura di Juncker dimostra che in Europa «non sono abituati a una Italia che punta i piedi» e che contano sul fatto che «da noi pure le opposizioni dichiaratamente antieuropeiste sono pronte ad applaudire e considerare improvvisamente Vangelo anche la più piccola critica che l’Europa scarica sul governo nazionale». È questa la lettura che dà il Sottosegretario all'Economia e Segretario politico di Scelta Civica, Enrico Zanetti, dell'ultimo scontro tra Renzi e il presidente della Commissione. Ma sul via libera alla Legge di Stabilità, spiega a l'Unità,«sono convinto che non si potrà arrivare a conclusioni diverse».

Qual è secondo lei la ragione dei toni duri usati da Juncker contro l’Italia? Al di là delle questioni di forma qual è la sostanza di questo scontro?
«Eviterei di parlare di scontri. ma è  fisiologico che una dialettica frizzante possa essere alimentata dalla questione dei tre miliardi che l’Ue ha promesso di dare alla Turchia per la gestione dei rifugiati. Noi, come Italia, ovviamente non siamo contrari, semplicemente chiediamo che i soldi vengano trovati dalla Commissione nelle disponibilità del bilancio europeo 2014-2020 e non dai singoli Stati con finanziamenti aggiuntivi cui l’Italia dovrebbe contribuire come al solito in misura importante, per altro dopo essere stata lasciata per anni a se stessa proprio sul fronte dell'immigrazione».

Leggi tutto: Zanetti a L’Unità: «Nella Ue non sono abituati a un'Italia che punta i piedi»

Zanetti a Il Messaggero: «Una soluzione non solo per la Capitale Ma è finita l'epoca dei premi a pioggia»

«Mi sembra che la prudenza del commissario Tronca nella concessione di questi soldi sia molto saggia, anzi giudicherei inopportuna una mossa contraria». Enrico Zanetti prende una posizione molto chiara sulla questione del salario accessorio. Secondo il sottosegretario all'Economia, e leader di Scelta Civica, la vicenda che riguarda Roma è il paradigma di un problema che va oltre la Capitale.

Sottosegretario, qual è la sua opinione sulla situazione che si è venuta a creare?
«Io credo che la situazione nella quale si trova Tronca sia oggettivamente difficile in quanto è chiamato ad operare scelte che implicano una valutazione politica. Un elemento che esula dalla sua responsabilità di commissario».

Leggi tutto: Zanetti a Il Messaggero: «Una soluzione non solo per la Capitale Ma è finita l'epoca dei premi a...

Zanetti a La Nazione - Il Resto del Carlino - Il Giorno: Alleati con il Pd ovunque «Ma non corriamo con la sinistra»

«Alleanze con il Pd alle amministrative, obiettivo il voto dei moderati». Il Segretario di Scelta Civica, e Sottosegretario all'Economia, Enrico Zanetti, mette sul piatto la sua proposta politica.

'Modello governo' anche nelle città?
«Per noi l'esperienza di governo è di natura politica, non un episodio tecnico per fare le riforme. Il Pd di Renzi propone politiche compatibili con un partito liberal-democratico come il nostro e, quindi, troviamo naturale proporre alleanze di coalizione uniformi, soprattutto in grandi città dove il voto non ha solo valenza locale. Non lo avremmo fatto con il Pd di Bersani».

Leggi tutto: Zanetti a La Nazione - Il Resto del Carlino - Il Giorno: Alleati con il Pd ovunque «Ma non...

Zanetti ad Avvenire: «Stralciamo la stepchild. Insistere e solo una scelta ipocrita»

«Ci sarà emendamento. La via più ragionevole? Norma inapplicabile per i nati con utero in affitto»

La stepchild adoption è «una scelta un po' ipocrita, più che una mediazione», dunque è inutile forzare una legge condivisa per approvare anche il punto dove la condivisione non c'è. Il ragionamento del Segretario politico di Scelta Civica (e Sottosegretario all'Economia), Enrico Zanetti, però si spinge oltre, rivelando l'intenzione del partito di «presentare un emendamento per sopprimere completamente l'istituto della stepchild» dal ddl Cirinnà, visto che anche il compromesso dell'affido rafforzato, «ancora tra l'altro poco chiaro, rischia di fare solo peggio».

Cosa intende per scelta ipocrita?
Siamo favorevoli a una legge sulle unioni civili, ma non riteniamo opportuno mettere in mezzo i diritti dei nascituri. Lo strumento della stepchild adoption non ci piace perché è l'esatto contrario di una coraggiosa battaglia sui diritti. È piuttosto una via tortuosa per centrare altri obiettivi, come l'accesso alla pratica dell'utero in affitto.

Leggi tutto: Zanetti ad Avvenire: «Stralciamo la stepchild. Insistere e solo una scelta ipocrita»

Altri articoli...

  1. Zanetti al Corriere del Veneto: «Tasse troppo alte e basta con la caccia ai piccoli che assicurano gettito facile»
  2. Zanetti a Il Fatto Quotidiano: ”Il Colle deve capire che il penale non abbassa l'evasione"
  3. Zanetti al Corriere della Sera: «Primarie non solo di sinistra. Anche noi ai gazebo il 7 febbraio»
  4. Zanetti al Corriere Fiorentino: «Così riformeremo le banchine»
  5. Zanetti a Libero: «Vogliono bloccare l'inchiesta sulle banche»
  6. La Nazione - Il Resto del Carlino - Il Giorno: Salvataggi, l'affondo di Zanetti «Regole comuni per tutti in Europa»
  7. Zanetti a La Repubblica: ”Ma le sue parole rilanciano un'inchiesta del Parlamento"
  8. Zanetti a La Nuova Venezia - Mattino di Padova - Tribuna di Treviso «Contro il vecchio Cda avviare subito l’azione di responsabilità»

Canale Video

Raccolta dei Video utili sulla mia attività da parlamentare ed materiale di approfondimento.

Guarda e partecipa +

Rassegna stampa

Gli articoli di approfondimento sulle mie attività e su Scelta Civica Venezia tratti da giornali e portali online.

Consulta +

Approfondimenti

Leggi i miei interventi e approfontisci le tematiche sulle quali sto lavorando.

Approfondisci +

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie.
In alternativa, premendo su ‘Cookie Policy’, potrai leggere la cookie policy per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.